Foyer Centre Shalom di Yamoussoukro


Il progetto ha come obiettivo generale l'accoglienza e la formazione di donne e ragazze per la loro promozione e il loro sviluppo attraverso la pedagogia ispirata allo stile del fondatore (San Luigi Scrosoppi).

Gli obiettivi sono nel dettaglio:
  1. l'accoglienza di bambine e ragazze dagli 8 ai 17 anni povere, sfollate o no, analfabete o no, per iniziarle alle attività pedagogiche e manuali, e per dar loro un avvenire più degno come donne nella società;
  2. l'educazione e la sensibilizzazione delle ragazze all'igiene personale e dell'ambiente e il loro inserimento alla vita pratica (IVP);
  3. dare alle ragazze e alle mamme la possibilità di istruirsi con l'alfabetizzazione e rendersi autonome con le Attività Generatrici di Reddito (AGR).

icona-pdf  PROGETTO 6 Foyer Centre Shalom di Yamoussoukro

Il centro

La missione delle "Suore della Provvidenza" di Yamoussoukro nello stato della Costa d'Avorio in centro Africa è nata nel 2000. Fin dal loro arrivo le suore si occuparono dell'alfabetizzazione delle donne e il loro inserimento nella società. Dopo la guerra civile del 2002 nasce il progetto di sostegno per "gli sfollati della guerra" e nel 2005 il progetto del "Centre Shalom" diventa un progetto educativo per ragazze svantaggiate, sfollate o meno della guerra.

Il progetto

Il progetto ha come obiettivo generale l'accoglienza e la formazione di donne e ragazze per la loro promozione e il loro sviluppo attraverso la pedagogia ispirata allo stile del fondatore (San Luigi Scrosoppi).
Gli obiettivi sono nel dettaglio:

  1. l'accoglienza di bambine e ragazze dagli 8 ai 17 anni povere, sfollate o no, analfabete o no, per iniziarle alle attività pedagogiche e manuali, e per dar loro un avvenire più degno come donne nella società;
  2. l'educazione e la sensibilizzazione delle ragazze all'igiene personale e dell'ambiente e il loro inserimento alla vita pratica (IVP);
  3. dare alle ragazze e alle mamme la possibilità di istruirsi con l'alfabetizzazione e rendersi autonome con le Attività Generatrici di Reddito (AGR).

Le attività iniziano alle 7.30, si concludono alle 17.00 e alle 11.30 viene distribuito un pasto. La mattina è dedicata alle attività pedagogiche (ci sono 4 classi in tre livelli d'istruzione) mentre il pomeriggio alle attività manuali (laboratori di ricamo, maglia, cucito e perline colorate). Inoltre si propongono attività ludiche e culturali (teatro, coro, danza classica, moderna e tradizionale…).
Di rilievo sono le AGR (Attività Generatrici di Reddito) che in questo caso consistono nel produrre e rivendere: candeggina, sapone liquido e sapone in pezzi.
Fondamentali sono gli incontri organizzati con i genitori e le visite alle famiglie che permettono di conoscere: il contesto socio-culturale in cui vivono le ragazze, le loro reali esigenze e l'effettiva situazione finanziaria famigliare.
Nell'annata 2007/2008 sono state seguite 80 ragazze delle quali, le più capaci, si sono inserite nel percorso scolastico normale, mentre altre si sono inserite nel mondo del lavoro.

Il responsabile

Sr. Veronica

Il costo

In accordo con la responsabile, dopo l'analisi della documentazione fornitaci, ci siamo proposti di sostenere un gruppo di 50 ragazze con una quota a persona di 100 €/anno per un totale di 5.000,00 €.
Si inizierà a finanziare questo progetto a partire da febbraio 2010 con ciclicità di 12 mesi: da febbraio a gennaio dell'anno seguente (essendo febbraio il periodo del nostro viaggio in Africa).

Vedi anche www.amicidiudine.it
icona progetto  Progetto 6 - Foyer Centre Shalom di Yamoussoukro
icona progetto  Centro Shalom

Ler mais ...

Progetto Burulì - Amici di Udine - Kongouanou


In questa missione c’è un piccolo ospedale che accoglie e cura le persone affette dal morbo di Burulì.
Questo terribile male colpisce soprattutto i bambini e si manifesta con piaghe impressionanti che si allargano in continuazione, consumando la pelle e la carne sottostante.
Sono piaghe dolorose che devono essere curate ogni giorno per mesi e a volte anni. Senza cure il processo porta ad una lenta ed inevitabile morte.

Vedi anche www.amicipl.it
 icona progetto Progetto Burulì
Ler mais ...

Progetto "Centre Providence" (2005-2015) Bouaké


Dal febbraio 2005, quando la guerra era al culmine, le Suore della Provvidenza, in collaborazione con la Congregazione dei Religiosi di S. Vincenzo de' Paoli, nel "Centro Provvidenza" di Bouaké, hanno dato inizio ad un lavoro di "presa in carica" delle ragazze danneggiate dal conflitto armato con l'obiettivo di accoglierle reinserirle nella società e  riunificarle alle loro famiglie.

La "Fondazione Raoul Follerau" di Parigi, attenta ai bisogni dei più poveri, ha contribuito fino ad oggi con un sostegno importante per il funzionamento ordinario del Centro.
Ler mais ...

Cammino di speranza verso un futuro di pace (2013-2015) Bouaké

Bouake "Centre providence" Personale - centro - ragazze

Bouake-Centre-providence2

Dopo il conflitto armato che ha insanguinato ancora una volta la Costa d'Avorio, il contesto sociopolitico di Bouaké è sempre instabile e profondamente violento e ciò crea una situazione di incertezza permanente, soprattetto per i giovani che hanno bisogno di stabilità. La riconciliazione dei cuori e del pensiero sembra un obiettivo ancora lontano
Le famiglie spesso non sanno come far fronte ai bisogni primari dei figli e talvolta sono costrette ad abbandonare i più piccoli, incoraggiandoli perfino alla prostituzione, semplicemente per ottenere un aiuto finanziario.
Se da una parte, però, constatiamo l'abbandono dei minori, dall'altra vediamo che, grazie ai nostri interventi, le comunità del quartiere diventano sempre più sensibili alla protezione della gioventù e di conseguenza reagiscono positivamente.

Da anni la Congregazione gestisce il "Centro Providence", con questi obiettivi:

Obiettivo generale
Aiutare le ragazze minori in difficoltà e destabilizzate da un contesto sociale corrotto, a recuperare fiducia e inserirsi poi nelle rispettive famiglie e nella società attraverso un apprendistato o un piccolo commercio che possa dare loro il gusto di vivere e di lavorare.

Obiettivi specifici
1)    Frenare e curare la prostituzione giovanile.
2)    Lavorare per far crescere la responsabilità della autorità, delle comunità e delle strutture sociali.
3)    Lottare contro la povertà permettendo alle fasce più deboli e svantaggiate (ragazze madri senza alcun sostegno) di poter prendersi in carico.

Oltre a formare ed avviare le ragazze ad una particolare professione (sarta, parrucchiera, o piccola commerciante), continuiamo la formazione del personale perché possa essere sempre più all'altezza del compito di educatori.

Con la collaborazione della Associazione S. Zeno di Verona é in corso un progetto di sostentamento al Centro, ma le necessità sono sempre molte. Certe che Provvidenza di Dio non ci lascerà sole, contiamo ancora sull'aiuto di persone generose che desiderano darci una mano perché quest'opera possa continuare a formare giovani capaci di creare una società migliore.

Situazione attuale del CenBouake-Centre-providence3tro:
 -  6 ragazze hanno terminato la formazione professionale
­ - 12 sono al 4° anno di formazione
­ - 15 sono alla fine del 3° anno di formazione
 - 11 sono al 2° anno di formazione
­ - 27 hanno cominciato il l primo anno
-  8 sono in formazione di "tresse"
      (pettinature particolari africane)
- 10 frequentano la scuola elementare e il collegio


Ler mais ...

Progetto "SHALOM" (2014-2015) YAMOUSSOUKRO


Il progetto è sovvenzionato dalla CEI e si inserisce nel delicato momento che la Costa d’Avorio sta vivendo, segnato dalle vicissitudini dopo le elezioni presidenziali dell’ottobre 2010, dopo quasi 8 anni di conflitto che hanno diviso (anche geograficamente) il Paese in due parti.

L’intervento assume quale priorità l’accoglienza e l’orientamento delle giovani affinché possano avere, successivamente, un’opportunità di inserimento nei percorsi formativi e di inserimento nel mondo del lavoro attraverso il tirocinio pratico.

 
Ler mais ...

ABIDJAN - Anonkoua - Kouté

História e Missão

1987. A comunidade iniciou-se no bairro de Anonkoua-Kouté, localizada nos arredores da capital, para um trabalho de evangelização e promoção humana da adolescente. Hoje a Escola de Promoção Feminina recebeu o reconhecimento do estado e oferece as adolescentes um bom nível de formação profissional na área da costura, permitindo-lhes entrarem mais facilmente no mercado de trabalho.                         

Junto a educação das adolescentes, as irmãs levam em frente um centro de saúde administrado em parceria com o povoado que em 2002 obteve o reconhecimento do Estado.
Hoje passam por este centro um grande número de pessoas doentes (cerca de 500) e os serviços oferecidos são: cuidados ambulatoriais, hospital, cuidado e prevenção da desnutrição, cuidados de pacientes com AIDS, maternidade, algumas consultas especializadas, laboratórios e farmácia.


Endereço

Soeurs de la Providence
Anonkoua - Kouté
13 B.P. 972
Abidjan 13
Côte d’Ivoire

Tel. 00225-24 48 39 87

E-mail: Este endereço de email está protegido contra piratas. Necessita ativar o JavaScript para o visualizar.Este endereço de email está protegido contra piratas. Necessita ativar o JavaScript para o visualizar.

Ler mais ...
Assinar este feed RSS