O uso de cookies contribui para o bom funcionamento deste site e favorece a melhoria dos serviços oferecidos ao usuário. O acesso aos conteúdos do site e o uso dos serviços implica a aceitação do uso de cookies.
Imprimir esta página

Morte esemplare di un Santo

Morte esemplare di un Santo
La morte di padre Luigi fu esemplare. Aveva chiesto di diventare copia di Cristo e la sua malattia finale fu una sorta di Calvario, fatto di sofferenze fisiche e morali, che egli seppe affrontare con uno spirito di completo abbandono in Dio.

Si era preparato con il "noviziato al Cielo", sotto la direzione di suor Agostina, cui aveva chiesto di rinfacciargli difetti e colpe oltre che di imporgli penitenze dure e umilianti. Per vincere la sua renitenza, il santo si gettò in ginocchio, implorandola in virtù della santa obbedienza a fargli da maestra di noviziato: "Aiutiamoci a vicenda a diventare santi", l’incoraggiò.

La malattia e la morte non lo colsero impreparato, anche se il medico faticò a convincerlo di stare a letto: aveva ancora troppe "faccende da sbrigare" per dare importanza "a una malattiucola come questa", spiegava.

Si trattava di penfigo, una forma grave di dermatite purulenta. Diceva: "Così è piaciuto al nostro buon Padre che è nei cieli, e così deve piacere anche a noi".

Oppure, nei momenti di maggiore sofferenza: "Bonum mihi, Domine, quia umiliasti me" (Ti ringrazio, Signore, perché mi hai umiliato).

Le madri superiori delle case, a turno, si portarono al suo capezzale che diventò la sua ultima cattedra di santità. A ciascuna, immancabile, il suo saluto più caro: "A rivederci in Paradiso". Poi, una notte, gli comparvero le sante Anna, Marta e le sue tre Sante (Maria Maddalena, Maria di Cleofa e Maria Salome): "Le ho sempre venerate – confidò a madre Cecilia, la generale -, sono venute stanotte ad avvisarmi".

Prima di morire volle salutare tutti, anche il muratore, il giardiniere, il manovale, tutti abbracciò. Infine, un ultimo vaticinio per le sue suore: "La congregazione soffrirà tribolazioni, ma poi tutto andrà bene. Debbo partire per il maggior bene della comunità".

Era il 3 aprile 1884, quando a mattina inoltrata, padre Luigi si univa alla compagnia dei santi in Paradiso.

Al suo funerale partecipò una folla enorme. La sua salma, per sua stessa indicazione, fu portata nella casa di Orzano, che aveva comprato per garantire ortaggi e viveri alla Casa della Provvidenza di Udine. Una casa-fattoria che lui visitava di frequente, considerata da lui un’oasi di pace dove finalmente riposare.

Il 23 aprile 1952 l’urna con le sue spoglie fu traslata a Udine, nella chiesa di San Gaetano, alla casa della Provvidenza di Udine, la casa madre delle Suore della Provvidenza.


Classifique este item
(0 votos)