GORIZIA - "Il Nazareno"

Storia e Missione

La casa del "Nazareno" ha una storia lunga più di 100 anni, durante i quali ha conosciuto molteplici trasformazioni determinate dai cambiamenti sociali, ai quali la Congregazione ha sempre dato risposte profetiche, evidenziando una singolare capacità di intreccio tra vita religiosa e civile, e realizzando molteplici attività caritative, aperte a chiunque si trovi nel bisogno.
Attualmente, continuando nella sua caratteristica di apertura generosa ed accogliente, ospita un numero crescente di profughi, in collaborazione con la Caritas diocesana e con la Cooperativa "Il Mosaico".

Il "Nazareno" accolse le prime suore nel maggio 1908 e fino al 1915 fu sede del Noviziato. Durante la prima guerra mondiale fu adattata ad Ospedale militare. In seguito l’edificio, scosso dai bombardamenti e bisognoso di lunghe e dispendiose riparazioni, venne dato in parte al Municipio di Gorizia, che lo adibì ad Ospedale civile, mantenendo la presenza delle Suore quali infermiere.
Dopo la ristrutturazione ed il completamento della seconda ala del fabbricato negli anni '30, il "Nazareno" funzionò di nuovo per le esigenze della Congregazione, come casa di formazione e casa generalizia. Dal 1931 al 1962 ospitò pure la Scuola Convitto per Infermiere Professionali, una tra le prime in Italia, e dal 1960 al 1970 una Scuola Media privata e un Collegio per ragazze aspiranti alla vita religiosa.
Dal 1971, per 20 anni,  funzionò anche come sede di una delle province religiose italiane.
Nel 2006 circa la metà dell'edificio venne ceduta all’EnAIP (Ente nazionale Acli Istruzione Formazione) Friuli Venezia Giulia.

Caritas diocesana di Gorizia (clicca qui per conoscere)

Cooperativa "Il Mosaico" (clicca qui per conoscere)



Indirizzo

Via Brigata Pavia, 25
34170 Gorizia
Telefono: 0482-530361
Fax: 0481-530967
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">


Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto