Morte esemplare di un Santo

La morte di padre Luigi fu esemplare. Aveva chiesto di diventare copia di Cristo e la sua malattia finale fu una sorta di Calvario, fatto di sofferenze fisiche e morali, che egli seppe affrontare con uno spirito di completo abbandono in Dio.

Si era preparato con il "noviziato al Cielo", sotto la direzione di suor Agostina, cui aveva chiesto di rinfacciargli difetti e colpe oltre che di imporgli penitenze dure e umilianti. Per vincere la sua renitenza, il santo si gettò in ginocchio, implorandola in virtù della santa obbedienza a fargli da maestra di noviziato: "Aiutiamoci a vicenda a diventare santi", l’incoraggiò.

La malattia e la morte non lo colsero impreparato, anche se il medico faticò a convincerlo di stare a letto: aveva ancora troppe "faccende da sbrigare" per dare importanza "a una malattiucola come questa", spiegava.

Si trattava di penfigo, una forma grave di dermatite purulenta. Diceva: "Così è piaciuto al nostro buon Padre che è nei cieli, e così deve piacere anche a noi".

Oppure, nei momenti di maggiore sofferenza: "Bonum mihi, Domine, quia umiliasti me" (Ti ringrazio, Signore, perché mi hai umiliato).

Le madri superiori delle case, a turno, si portarono al suo capezzale che diventò la sua ultima cattedra di santità. A ciascuna, immancabile, il suo saluto più caro: "A rivederci in Paradiso". Poi, una notte, gli comparvero le sante Anna, Marta e le sue tre Sante (Maria Maddalena, Maria di Cleofa e Maria Salome): "Le ho sempre venerate – confidò a madre Cecilia, la generale -, sono venute stanotte ad avvisarmi".

Prima di morire volle salutare tutti, anche il muratore, il giardiniere, il manovale, tutti abbracciò. Infine, un ultimo vaticinio per le sue suore: "La congregazione soffrirà tribolazioni, ma poi tutto andrà bene. Debbo partire per il maggior bene della comunità".

Era il 3 aprile 1884, quando a mattina inoltrata, padre Luigi si univa alla compagnia dei santi in Paradiso.

Al suo funerale partecipò una folla enorme. La sua salma, per sua stessa indicazione, fu portata nella casa di Orzano, che aveva comprato per garantire ortaggi e viveri alla Casa della Provvidenza di Udine. Una casa-fattoria che lui visitava di frequente, considerata da lui un’oasi di pace dove finalmente riposare.

Il 23 aprile 1952 l’urna con le sue spoglie fu traslata a Udine, nella chiesa di San Gaetano, alla casa della Provvidenza di Udine, la casa madre delle Suore della Provvidenza.
Leggi tutto...

Il santo dell'AIDS

La fama della sua santità si propagò subito tra il popolo. Non soltanto i credenti salutarono la morte di un santo, ma persino gli anticlericali. Gli stessi cinque quotidiani non cattolici di Udine, liberali, anticlericali e massonici, riconobbero l’eccezionalità della sua figura di prete. Una testimonianza tra tutte, tratta dal giornale "Il Friuli", notoriamente mangiapreti: "Pare impossibile – scrisse -, ma questa volta il filantropo è un prete… è don Luigi Scrosoppi, un bravo ministro di dio (con la "d" minuscola, sic), che si prestò sempre con zelo per il bene del suo prossimo e si adoperò per l’istituzione di parecchi istituti di beneficenza".E da subito cominciarono le grazie, le guarigioni fisiche e morali, attribuite alla sua intercessione.

Il processo ordinario per il riconoscimento della sua santità si svolse dal 1932 al 1936.

Le sue virtù eroiche furono riconosciute ufficialmente da Paolo VI il 12 giugno 1978.

Giovanni Paolo II lo proclamò solennemente beato in piazza San Pietro il 4 ottobre 1981. L’ultimo miracolo, ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa, necessario per la tappa della canonizzazione, fu compiuto a favore di Peter Chungu Shitima, nello Zambia. Studente dell’Oratorio di san Filippo in Sudafrica, si ammalò di polineurite periferica agli arti inferiori e della sindrome cachettica, insomma ammalato di AIDS in fase terminale. Fu mandato a casa in Zambia dagli stessi medici, perché morisse in famiglia. La comunità dell’Oratorio, i parrocchiani e la stessa famiglia cominciarono a chiedere la guarigione di Chungu per l’intercessione di padre Luigi, di cui Chungu era molto devoto. Una notte sognò padre Luigi che lo rassicurò sulla sua guarigione. Il giorno dopo cominciò ad alzarsi e a star bene, come prima della malattia. Ora si trova di nuovo in Sudafrica ed è sacerdote!

Giovanni Paolo II riconobbe ufficialmente la santità di padre Luigi nel Concistoro pubblico del 23 marzo 2001.                                                                                                             
La solenne canonizzazione avvenne il 10 giugno 2001, in piazza san Pietro alla presenza di migliaia di fedeli provenienti dal suo Friuli e da tutte le parti d’Italia e del mondo, ove ancor oggi, e sempre con lo stesso zelo per i poveri, operano le sue amatissime suore.
Leggi tutto...

Il Miracolo continua

Le Suore della Provvidenza continuano infatti il suo messaggio di totale affidamento a Dio e di incondizionato amore ai poveri, ai bambini e agli adulti, agli ammalati, agli anziani e alle famiglie povere. In Italia, in Brasile, in Uruguay, in Togo, Costa d'Avorio e Benin, in India, in Bolivia, in Romania e Moldavia, in Birmania.

Continua l’opera di padre Luigi, nell’umiltà di un fedelissimo servizio quotidiano delle sue "fiutis" (figliolette), come lui amava chiamare in friulano le sue suore.

San Luigi è oggi più che mai vivo nell’amore evangelico che sospinge le Suore della Provvidenza a travalicare le nuove frontiere della sofferenza di quest’umanità inquieta, a donare la testimonianza più vera per la nuova evangelizzazione, che per il santo friulano aveva un nome solo e un unico metodo: "Carità, carità, salvare anime e salvarle con la carità".
Leggi tutto...

I pensieri

AMORE DI DIO

Il Cuore di Gesù continuamente vi dice: amatemi e fatemi amare!

Dio solo abbiate in mente ed in cuore, ogni giorno, dalla mattina alla sera.

Un'anima amante di Gesù Cristo non si lascia abbattere, né vincere da nessuna difficoltà, perché sempre l'amore è forte come la morte, combatte con essa e non si lascia vincere.

Siamo creati per trasformarci in Dio.
Siamo creati per amare Dio.
Siamo creati per possedere Dio.

Diamoci ad amare Dio, perchè con l'amarlo lo possederemo!

Se il nostro fine è di conoscere Dio, come non deve essere anche quello di amarlo? Poiché non è possibile conoscere la bellezza e non amarla.

Dio ci ama.
Dio è disposto ad amarci per sempre, quantunque noi siamo indegni del suo amore.

Il vostro cuore non è vostro, Iddio lo domanda!

L'amore trae a sé tutte le virtù e non fa sentire le pene della vita.

Il levar del sole ci trovi in atti di amore di Dio ed il suo tramontare a Lui strettamente uniti.

Per riparare al tempo che non abbiamo amato Dio, aumentiamo gli atti di amore verso di Lui.

Dio non aspettò il nostro amore, ma lo prevenne.

Vogliamo accertarci dell'amore di Gesù? Alziamo gli occhi e vediamolo pendente sulla croce.

Vediamo di infervorarci nell'amore del Signore, avendo sempre innanzi agli occhi il Crocifisso.

Un'anima che ama Dio non desidera che di sacrificarsi per Lui ed ogni pena per lei è cara.

 


AMORE VERSO IL PROSSIMO

Carità, carità con tutti: non dimenticate che siete suore per esercitare la carità.

La carità è la regina assisa sul trono dell'umiltà e tutte le altre virtù sono ai suoi lati come tante ancelle.

Figlie mie, facciamo bene per male.
Così ci ha insegnato Gesù Cristo, se vogliamo imitarlo.

Figlie mie, i vostri occhi, i vostri cuori siano semplici, retti ed abbiano a nutrirsi sempre di miele.

Il primo dei vostri doveri è quello di teneramente amare le ammalate, riconoscendo in esse la persona addolorata del nostro Salvatore Gesù Cristo.

La vostra carità sia una bella copia della carità che esercita il nostro Padre celeste.

Non vogliate essere come le pietre miliari che insegnano agli altri la via ed esse se ne stanno ferme, ma sforzatevi ogni giorno di fare dei passi avanti nelle virtù.

Faccia tutto e solo per il Signore, servendolo premurosamente ed umilmente in questi poveri ammalati.

Abbi gusto di servire il tuo divino Sposo nella persona di questi ammalati e avrai un paradiso anticipato.

Carissima figlia, guarda sempre queste giovanette come consegnatele dal tuo divino Sposo ed abbile come una pupilla del suo occhio.

Vadano le nostre comodità e sacrifichiamoci volentieri per corrispondere alla nostra santa vocazione

che è la sola gloria del Signore e la santificazione della anime.

Ti lascio nei SS. Cuori di Gesù, Maria, Giuseppe nei quali spesso vogliamo trovarci.



FIDUCIA NELLA PROVVIDENZA

Abbandonatevi alla Provvidenza con grande fede.

Morire sì, ma offendere il Signore con la diffidenza, no, no, no!

Confidenza in Dio e abbandono completo in Lui che è nostro Padre.

Il Signore aiuta e non abbandona mai chi confida in Lui.

Adoriamo le disposizioni del Signore e ci faremo grandi santi.

Abbi sempre innanzi agli occhi il tuo divino Sposo...

Ti lascio stretta nei SS. Cuori dei nostri Amori.

Il Signore continui a benedirti e ti dia la grazia della santa perseveranza.

Sta' allegra nel Signore e non temere di nulla.

Il Signore tutto può e, quando vuole una cosa, ci dà anche i mezzi per conseguirla.

Stiamo sempre uniti al nostro buon Iddio e ci troveremo contenti in ogni luogo e in ogni occupazione.

Prendi tutto dalle mani del Signore, perché Egli tutto dispone per il meglio.

Il Signore ti benedica e tu confida in Lui che è la Carità stessa.

Confidiamo nel Signore e con la confidenza, ad imitazione del nostro santo padre Gaetano, lo onoreremo nel modo a Lui più caro.

Nelle sue grandi e molte occupazioni pensi che non è sola, ma che è con il suo divino Sposo.



SANTITA’

Tutto sia santo in noi dalla mattina alla sera.

Il Signore ti vuole assai bene, il Signore ti vuole tutta sua, ti vuole santa.

La lascio in compagnia del suo Gesù.

Abbiamo un solo affare da trattare ogni giorno ed è la nostra santificazione.

Prenda le cose come provenienti dal Signore, per la nostra santificazione.

Le virtù non si possono praticare senza che si presentino le occasioni di esercitarle.

Le raccomando la presenza del Signore e di fare spesso tra giorno qualche atto d'amore verso di Lui.

Figlie mie, siate piccole, perché quando si sta basse, Gesù si avvicina con più affetto, Gesù si consola. Piccoline, piccoline, figlie mie!

Cercate l'ultimo posto, figliole, perché ivi troverete Gesù. Lui solo sia testimone dei vostri sacrifici.

Le croci producono frutti meravigliosi ed è onore essere crocifissi con Gesù e per Gesù.

Il Signore la benedica e le dia quella felicità che anche in terra le fa godere un paradiso anticipato.

Il suo trattare con tutti sia umile, dolce, rispettoso.

L'umiltà è il fondamento della perfezione cristiana.



VOLONTA’ DI DIO

Pensiero a Dio, il cuore a Dio, la mano per Iddio!

Paradiso, paradiso... solo lassù troveremo tutto e ameremo per sempre il Signore.

Vedi di camminare sempre alla presenza del tuo divin Sposo e di fare ogni cosa che sia a Lui cara.

Lasciamo fare al Signore! Abbandoniamoci totalmente a Lui!

Preghiamo e stiamo rassegnati a quanto il Signore si degnerà disporre per noi.

Gettiamoci quali strumenti nelle mani della divina Provvidenza che si avvalga di noi a maggiore suo grado.

A corpo morto si getti al divino volere ed avrà la tranquillità dello spirito e niente la turberà.

Preghi per avere lumi di ben conoscere la volontà del Signore.

Faccia il Signore di me quello che vuole, che non domando altro che fiat voluntas tua.

La prova di amare Iddio è quella di patire per suo amore.

Il Signore tutto permette per il nostro bene e vuole anche dal male ricavare il bene per la maggior sua gloria.



PENSIERI VARI

Ti lascio nei SS. Cuori di Gesù, Maria, Giuseppe, dandoti la santa benedizione.

Abbi sempre i tuoi occhi rivolti alla Madonna ed a suo onore fa' atti di perfetta uniformità al suo divin Figlio.

Ricorri con grande confidenza alla nostra Mamma, la Madonna, in ogni tuo bisogno.

Nei tuoi bisogni spirituali abbi sempre per tuo Maestro San Giuseppe.

Continui a confidare in san Giuseppe che non mancherà di proteggerla in ogni bisogno.

Confida nella nostra divina Madre e nel nostro caro padre San Giuseppe.

Io ogni giorno ti avrò presente all'Altare.

Guarda il Santissimo Cuore di Gesù che, aperto, ti invita ad entrarvi, dove troverai lumi e consolazioni celesti.

Vedo che il Signore ti vuole assai bene, dandoti molte occasioni di tesoreggiare per al vita eterna.

Grande umiltà e carità, grande mansuetudine in ogni incontro, e tutto andrà bene.

Ogni felicità il Buon Iddio conceda loro nell'avvicinarsi della feste natalizie ed il novello anno.

Prossimi alla feste pasquali, ve le auguriamo felici e ripiene delle più elette consolazioni nel Signore.

La venuta di Gesù Cristo è una testimonianza dello svisceratissimo amore di Dio verso di noi.

La venuta del divin Redentore è una venuta d'Amore verso di noi, sue creature.

Ti lascio nei SS. Cuori di Gesù, Maria, Giuseppe nei quali spesso vogliamo trovarci.


Leggi tutto...

Iconografia


E’ bello constatare che la produzione è davvero numerosa e varia ed anche, sorprendentemente, sempre in crescita. Come non pensare che questo possa essere una risposta centuplicata alla sua sete di nascondimento e di umiltà, tanto da non permettere mai di venir fotografato? Contemplando la lunga serie di immagini che ritraggono padre Luigi, la sua figura risulta ben rappresentata nel duplice aspetto di amore verso Dio e verso il prossimo. Possiamo infatti trovare nelle diverse immagini:

  • la profondità contemplativa della sua anima confermata da queste semplici espressioni tratte dalle testimonianze.

- Dio fu sempre al sommo dei suoi pensieri.
- Appariva con il pensiero e con il cuore sempre rivolti a Dio.
- Il suo cuore ardeva d’amore per il Signore.

  • l’eroismo della sua carità feconda e operosa che colmò la sua vita di apostolo infaticabile.
- Tutti coloro che lo avvicinavano ricevevano conforto e coraggio.
- Il Padre non respingeva mai nessuno.
- Dal Cuore di Gesù aveva imparato una generosa apertura del cuore soprattutto verso gli afflitti nello spirito, ai quali sapeva ispirare una piena confidenza.
- Una tenera madre non avrebbe fatto di più per la sua figlia.

Ora, nel Regno di Dio, anche Padre Luigi godrà nel vedersi attorniato da bambini, bambine, malati, suore di ogni razza e lingua, che lo conoscono, lo amano, lo invocano.
Per tutti ha anche oggi una parola, uno sguardo, una carezza… Per tutti, sicuramente, ha una grande benedizione!

Vai alla GALLERY ICONOGRAFICA
Leggi tutto...

Gallery iconografica

Sottoscrivi questo feed RSS